Storia

Sul finire degli anni 60 l'Alfa Romeo, nella persona del suo amministratore Giuseppe Luraghi, decide che è arrivato il momento per di estendere la propria gamma non solo verso l'alto, con la futura Montreal, ma anche verso il basso, oggi detto segmento C. Per questo decide di richiamare in Alfa Romeo un ingegnere austriaco, che già aveva collaborato dal 1954 al 1959, recentemente resosi disponibile dopo l'avventura Simca, per mettere in pratica la sua idea: Rudolf Hruska. L'obiettivo è progettare una vettura completamente nuova, partendo da zero unitamente alla fabbrica che dovrà produrla, a Pomigliano d'arco dove l'Alfa aveva già degli insediamenti produttivi (dl'Alfa Romeo Avio dove venivano costruite le Dauphine e Renault 4 su licenza). Hruska mise insieme in poco tempo una squadra d'eccellenza con a capo l'ing. Domenico Chirico. Il cahier de charge prevede un quattro cilindri boxer - non dimentichiamo che Hruska ha iniziato la sua carriera col professor Porsche, padre del maggiolino - montato anteriormente e raffreddamento ad acqua. continua

Gallery










Guida all'acquisto

Quando nominerete l'Alfasud la risposta che riceverete sarà sempre unanime: quel blocco di ruggine! Sicuramente il problema della ruggine nell'Alfasud è rilevante, ma con un buon carrozziere – soprattutto un buon battilastra – tutti i problemi di ruggine posso essere superati. Degli interni in cattive condizioni sono senz'altro un ostacolo più grande da superare. I pannelli porta molto spesso crepati dal sole sono introvabili, il cruscotto anche'esso crepato dal sole è difficilmente reperibile. C'è da dire però che questa difficoltà riguarda specialmente la I serie. Sia per quello che riguarda la II e la III serie di massima non ci sono problemi di reperimento ricambi interni. C'è da dire che anche lo stato di conservazione della vettura è importante: sempre meglio prediligere modelli conservati al coperto pur se il costo è leggermente superiore. Cambia ovviamente anche la regione di provenienza, se acquisterete una Alfasud sulle Alpi lombarde, ad esempio, il rischio di trovare lamierati bucati dal sale invernale sarà ovviamente molto alto.
continua